cerca

Ecco perché una laurea non ti salverà dall'essere grillino

Berlusconi ha chiesto a Barbara D’Urso d’indagare su quanti grillini siano laureati. Ormai però questo titolo di studio non è più utile per capire quanto un candidato sia competente

15 Gennaio 2018 alle 18:13

Ecco perché non una laurea non ti salverà dall'essere grillino

Foto LaPresse

Berlusconi ha chiesto a Barbara D’Urso d’indagare su quanti grillini siano laureati. Credo sia un desueto vezzo signorile, che pure gli fa onore, questo ritenere tuttora la laurea un titolo distintivo, valevole a stabilire la competenza di un candidato o, più in generale, di un professionista e di una persona. Ormai non è più così.

 

Non intendo dire che esistono molte persone prive di laurea ma dotate di cultura, intelligenza e capacità di affrontare i problemi con accuratezza e risolverli ragionevolmente; questo è risaputo.

 

Dico che se consideriamo le caratteristiche opposte di cui iscritti e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle hanno dato largo sfoggio nel corso dell’ultima legislatura – una certa faciloneria approssimativa, la piatta e talvolta erronea ripetizione di formule lessicali precotte (magari fraintese), lo strillo di slogan ritriti, notevoli difficoltà logiche col modus tollens, l’utilizzo smodato dei punti di sospensione o esclamativi, una certa ridondanza da brigadiere nel tentare di esprimere questioni semplici con termini aulici (magari abborracciati) e, soprattutto, una schietta inettitudine al fare combinata a un’assoluta refrattarietà all’approfondimento faticoso – ebbene, scopriamo che sono le stesse caratteristiche intellettuali di molte persone che, nell’ultima generazione d’italiani, hanno goduto di un’istruzione superiore sempre più permissiva e lassista nel concedere pergamene a chi non sarebbe nemmeno in grado di leggere e di comprendere questa stessa frase, perché lunga più di tre righe.

 

Il problema non è dunque quanti grillini siano laureati ma quanti laureati potrebbero essere grillini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    15 Gennaio 2018 - 19:07

    Tutte (ma tutte tutte!) le persone che conosco, ahimè famiglia inclusa, che hanno votato e/o voteranno per Grasso e Casaleggio (pensando di votare per DiMaio e pel suo Grillo-parlante) sono laureati !! Ignorantissimi, laureatissimi, disoccupatissimi, oltre che supremamente sfaccendati. Molti si anche candidano, proprio per farne un lavoro, "temporaneo-da-mettere-in-curriculum" che magari diventa lungo abbastanza (5anni) per prendersi una pensione.) Ignoranti e sprovveduti al punto da non riconoscere l'ipocrisia nemmeno quando se ne nutrono e la distillano. Dove lo Stato di Diritto è pura astrazione, o concetto del tutto nebuloso è proprio lì: nelle università. Viceversa, vai dal proprietario di un ristorante o di un'officina, e avrai una conversazione più elevata, politicamente e umanamente. Turbata solo da una profonda sconsolazione.

    Report

    Rispondi

Servizi