cerca

Punjab anticristiano

Ieri una coppia di cristiani è stata uccisa da una folla che li accusava di avere bruciato alcune pagine del Corano. Nuovo pogrom islamista e impunito contro i perseguitati del Pakistan.

5 Novembre 2014 alle 06:30

Punjab anticristiano

Cristiani del Pakistan protestano contro le violenze perpetrate dai musulmani (foto AP)

Ieri nel Punjab, una regione del Pakistan – una delle più avanzate – una coppia di cristiani è stata uccisa da una folla che li accusava di avere bruciato alcune pagine del Corano, libro sacro dell’islam. Sembra, perché i contorni della notizia sono confusi, che il padre dell’uomo ucciso fosse morto pochi giorni fa e che lui stesse bruciando alcune cose inutili. Un testimone ha giurato di avere visto un Corano: da lì è stata la fine per i due (lei era incinta). Il fatto atroce si proietta su uno sfondo ugualmente atroce di impunità e tolleranza nel Punjab e in tutto il Pakistan verso questi pogrom contro i cristiani.

 

La legge che punisce con la morte la blasfemia è un fattore importante – in fondo la folla si sente legittimata e giustiziera. Ci sarà mai la forza di cambiarla? Difficile scordare quando nel gennaio 2011 la folla accolse con una pioggia di petali di rosa l’assassino del governatore del Punjab, ucciso perché aveva chiesto clemenza per una donna cristiana condannata a morte.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi