Idiozia perbenista

Quella “razzista” di Pippi censurata dalla tv svedese

Chissà se la scrittrice Astrid Lindgren avrebbe mai immaginato di diventare una reproba, lei che aveva votato tutta la vita per i socialdemocratici e che si era impegnata per i diritti di tutti, dagli animali ai migranti.

Quella “razzista” di Pippi censurata dalla tv svedese
Roma. Chissà se la scrittrice Astrid Lindgren avrebbe mai immaginato di diventare una reproba, lei che aveva votato tutta la vita per i socialdemocratici e che si era impegnata per i diritti di tutti, dagli animali ai migranti. Nel 1988 era bastato che la celebre scrittrice sollevasse il problema con una serie di favolette allegoriche perché la Svezia intera insorgesse e il sensibilissimo governo di quella sensibilissima nazione approntasse in gran fretta una sensibilissima “Carta dei diritti del pollo”. Il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi