cerca

Speciale online

Papa Francesco scomunica la leader di "Noi siamo chiesa" che voleva le donne prete

Il Papa ha scomunicato Martha Heizer, cofondatrice e presidente del movimento progressista "Noi siamo Chiesa" in Austria. Lo riporta l'agenzia cattolica in lingua tedesca Kath.net. La professoressa Heizer, docente a Innsbruck, nel 2011 annunciò di voler celebrare l'Eucaristia "in modo privato", e nonostante i richiami del Vaticano, in casa sua celebrò personalmente la messa, alla presenza di altri fedeli ma non di sacerdoti.

Leggi anche Ferrara Contro il vaticanesimo vaticanologico che soffoca nel fumo di Pinocchio

22 Maggio 2014 alle 19:03

Papa Francesco scomunica la leader di "Noi siamo chiesa" che voleva le donne prete

Il Papa ha scomunicato Martha Heizer, cofondatrice e presidente del movimento progressista "Noi siamo Chiesa" in Austria. Lo riporta l'agenzia cattolica in lingua tedesca Kath.net. La professoressa Heizer, docente a Innsbruck, nel 2011 annunciò di voler celebrare l'Eucaristia "in modo privato", e nonostante i richiami del Vaticano, in casa sua celebrò personalmente la messa, alla presenza di altri fedeli ma non di sacerdoti. Al rito partecipava anche il marito, anch'egli scomunicato. Nel 2012 la Congregazione per la Dottrina della fede avvertiva nuovamente Heizer [**Video_box_2**]dei rischi ai quali stava andando incontro. Ieri sera l'epilogo. Il vescovo di Innsbruck, Manfred Scheuer, ha convocato la coppia per consegnare loro il decreto di scomunica firmato da Francesco. Martha Heizer e il marito Gert hanno respinto l'atto della Santa Sede, dicendosi "scioccati" per la decisione di Roma. "Ci indigna profondamente il fatto di ritrovarci nella medesima categoria dei preti colpevoli di abusi. Continueremo a impegnarci con maggiore forza per la riforma della Chiesa cattolica. Proprio questo modo di procedere mostra con quanta urgenza essa abbia necessità di essere rinnovata".

Leggi anche Ferrara Contro il vaticanesimo vaticanologico che soffoca nel fumo di Pinocchio

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi