cerca

I veri barbari

Da Di Battista, alla Mogherini, a Moni Ovadia. Quando pensi a loro, capisci

12 Aprile 2019 alle 06:17

I veri barbari

Foto LaPresse

Detta così, come viene viene. Pensi al senatore Lannutti, Cinquestelle , con le banche controllate dai Savi di Sion, ad alcune frasi gentili di Beppe Grillo nei confronti dell’Iran “che si deve difendere”, ai proletari successi della splendida Casa Pound, ricordi Ann Wright della Freedom Flotilla, invitata dalla Raggi in Campidoglio, o “il genocidio per mano di Israele” evocato da Alessandro Di Battista, il famoso traveler, oppure ti corre la mente all’Omar Barghouti gradito ospite di Montecitorio, ma anche, buon peso, al corteggiamento grillino verso Diana Carminati (“Boicottare Israele”), all’antisemitismo diffuso a destra quanto a sinistra, ricordi serenamente tutto questo insieme a molto altro, la Mogherini con gli ayatollah, i Moni Ovadia alle prese con le loro angosce, gli Abu che si succedono democraticamente ai Mazen, la caccia alle kippah in Europa, la fuga, l’allevamento dei bambini martiri, l’allegro assembramento di Hezbollah sul confine, qualche camion sugli ebrei alle fermate dei bus, un paio di coltellate, lo stato con la stella cancellato dalle carte geografiche delle scuole elementari con la mezzaluna, i missili di Gaza, l’Onu che a tutto questo sta in cima, e due più due solo quattro può fare: il vero barbaro è Netanyahu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    12 Aprile 2019 - 12:12

    Penso che la cultura di sinistra, che da oltre un secolo appesta l'umanità, contro ogni logica ed indipendentemente dalla constatazione dei ripetuti fallimenti, sia ancora troppo presente e condizionante.

    Report

    Rispondi

  • romamor

    12 Aprile 2019 - 08:08

    Quando leggo Andrea Marcenaro la prima cosa che mi viene in mente è un gemellaggio.(Che fine ha fatto Bordin?)

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    12 Aprile 2019 - 08:08

    Complimenti e grazie. C’e’ solo da aggiungere che definire crollo epocale il risultato elettorale delle liste socialiste anche in Israele e’ generoso.

    Report

    Rispondi

Servizi