cerca

Quell'espressione un po' così di Giuseppe Conte

Esibisce la pochette, come a compensare un qualcosa che vorrebbe davvero esibire, ma che non ha; si offre, così mostrandosi, come il gemello di Giorgino Tiggìuno cui è toccata in sorte la politica

26 Maggio 2018 alle 06:10

Quell'espressione un po' così di Giuseppe Conte

Basta guardarne l’espressione per capire che si avverte lui stesso, si sente, si vive esattamente come quell’altro miracolato di Pietro Grasso al momento in soffitta; è incolpevole: doveva seguirlo, l’impulso a infiocchettare il curriculum, perché era all’evidenza più forte di lui; esibisce la pochette, come a compensare un qualcosa che vorrebbe davvero esibire, ma che non ha; si offre, così mostrandosi, come il gemello di Giorgino Tiggìuno cui è toccata in sorte la politica; accetta senza tormenti visibili, anzi, con elettrizzato compiacimento, il giudizio generale e definitivo (anche dei suoi, soprattutto dei suoi) di mezzacalza; prende ufficialmente ordini né dà l’impressione di saper, di poter, interloquire con alcuno; andrà a ricoprire un incarico dove il suo vice, che non si chiama Metternich, se mai Giorgetti, ricoprirà l’incarico al posto suo facendogli fare il vice, e pure quello per finta; vale come statista quel che vale, insomma, ma farà il presidente del Consiglio. Lui, ‘sto Carneade che nemmeno. La guida di sessanta milioni di persone. Sessanta. Milioni. Bon. Continuate pure a dire che venerare Padre Pio non serve a un cazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    26 Maggio 2018 - 22:10

    Tanto valeva fare l'avvocato delle cause perse. Ché prima o poi un Santo te lo ritrovi. Visto che gli Italiani, di quelli, sono un popolo.

    Report

    Rispondi

Servizi