Anche il M5s truffa la sua “gggente” con le fake news, dice l’espulso Artini

“Raggi vende all’asta l’aeroporto, non è meglio vendere Atac?”

m5s

(foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    06 Gennaio 2017 - 18:06

    Tutte le osservazioni dell'espulso Artini sono ragionevoli, quindi comprensibili a gente dotata di ragione. Ma a Grillo non serve questo tipo di persone, non gli serve ragionarci. Quando a inizio dicembre invitò esplicitamente a votare di pancia, per esempio, la concretezza letterale della sua indicazione non fu colta proprio da chi è dotato di ragione. Ma è giusto che sia così: lui si rivolge ai lobotomizzati del suo dominio, suo e della Casaleggio ecc. A parte le facili battute sull'evidenza che la pancia sia molto vicina al buco del culo (come saggiamente suggerito in altro contesto da un vecchio successo di De Andrè), luogo deputato all'espressione sonora grillina, Grillo e la Casaleggio possono cercare consenso solo tra quell'80% di italiani analfabeti funzionali già individuati da Tullio De Mauro. Il quale, in quanto comunista, per gli utili idioti aveva la vista lunga.

    Report

    Rispondi

Servizi