Oddio, i regali di Natale (parte prima)

Ogni pubblicazione online che si rispetti ha la sua lista di consigli natalizi, e questa è la lista di Silicio, la newsletter tech del Foglio

24 Novembre 2017 alle 14:02

Oddio, i regali di Natale (parte prima)

[Se volete ricevere ogni settimana nella vostra casella di posta "Silicio", la newsletter del Foglio curata da Eugenio Cau, potete iscrivervi gratuitamente, cliccando qui] 

 


 

Oddio, i regali di Natale (parte prima)

Ok, regali di Natale. Non ci sono tante spiegazioni da fare: ogni pubblicazione online che si rispetti ha la sua lista di consigli natalizi, e questa è la lista di Silicio. E’ il frutto di anni di cose provate e regalate, di chiacchiere con amici e colleghi e di curiosità per i gadget di ogni tipo. Quasi tutte le cose che consiglio sono state provate da me, da persone che conosco o da colleghi redattori del Foglio, per cui tendenzialmente ci si può fidare. Visto che ho voluto consigliare solo le cose migliori, non ci sono categorie: i regali sono presentati in ordine sparso.

 

Qualche consiglio e un’avvertenza: comprate presto ma non troppo, ché Amazon vi consente di restituire i prodotti solo entro 30 giorni dalla consegna (per gli altri siti di ecommerce spesso il limite è ancora inferiore). Comprate con generosità, ché è bello fare regali. Considerati che i prezzi indicati qui possono cambiare. Inoltre ricordate che quasi tutti i link qui sotto sono sponsorizzati, che vuol dire: per voi il prezzo non cambia, ma il Foglio (non Silicio: il Foglio) ottiene un microscopico ricavo se comprate usando i nostri consigli.

 

Nota grafica: quasi tutti i siti che pubblicano liste natalizie usano dei fondini colorati per illustrare i prodotti, ma l’idea di mettere le immagini dei regali su fondini a tema natalizio l’abbiamo presa dal Post. La loro lista di consigli per il Natale la trovate qui, è piena di cose belle. I nostri fondini però sono in “Blu Foglio”, che è un colore ufficiale tanto quanto “Eugenio” è un carattere tipografico. La fatica di realizzare queste immagini belle l’ha fatta l’ineffabile Enrico Cicchetti.


 


Cuffie silenziose

Se volete regalare delle cuffie fate che abbiano tre caratteristiche: che siano bluetooth, visto che ormai il jack per il cavo sta sparendo da tutti i cellulari nuovi; che siano circumaurali, il che significa: si appoggiano intorno all’orecchio e non sopra, così non si schiaccia; che abbiano un sistema di riduzione del rumore: la persona a cui le regalate scoprirà un mondo nuovo. Queste della Bose hanno tutto e sono molto belle. David Allegranti le usa da oltre un anno con gran soddisfazione. Alternativa che non abbiamo provato ma che va molto forte nelle recensioni: queste Sony. (379,95 euro)

 


 


La tazza che non si rovescia

Il perfetto regalo wow: la Mighty Mug è una tazza che non cade. Ha un sistema intelligente di pressione per cui se la appoggiate sulla scrivania e la urtate accidentalmente non si rovescia, è come se fosse incollata al tavolo. Ma se la prendete in mano per sorseggiare il vostro caffè si lascia sollevare senza problemi. Guardate questo video per capire meglio di cosa parlo. Quando la farete vedere a chi l’avete regalata, rimarrà di stucco. E’ anche termica, cosa volete di più? (Circa 20 euro)

 


 


Per non perdere mai niente

Filo è un pezzettino di plastica sottile che si attacca alle chiavi o si tiene nel portafogli. Filo ha una connessione bluetooth. Se perdete le chiavi o il portafogli, Filo suona e vi fa vedere sul cellulare dov’è l’oggetto smarrito (sempre che sia a portata di bluetooth). C’è un prodotto molto simile e più famoso che si chiama Tile, ma Filo è italiano (la startup è romana) e l’abbiamo provato. Per una volta possiamo fare gli autarchici. (29,90 euro)

 


  


Un portafogli diverso

Vanno tanto di moda gli slim wallet, i portafogli sottili in cui tenere le carte e le banconote. Sono belli, ma ammettiamolo: non ci sta dentro niente. L’alternativa al portafogli extragonfio è un bel portacarte di metallo. Io da due anni ho questo modello fatto in Francia e sono molto contento. Non ci entrano le monete ma noi maschietti abbiamo la benedizione di pantaloni con tasche capienti. I negozi cinesi vendono portacarte simili a pochi spiccioli ma vi garantisco: si rompono dopo una settimana. Il mio è indistruttibile.(29,90 euro)

 


 


Una cassa bluetooth da non svenarsi

Le casse bluetooth sono un ovvio must per il Natale. Le migliori in commercio sono ancora queste della UE, ma costano tanto. Se non avete duecento euro da spendere, la nostra redattrice Asia e autrice di Katane Giulia Pompili è molto felice di queste casse Anker, che hanno buona qualità del suono e connessione stabile. (Circa 50 euro)

 


 


Uno zaino antifurto

Quella di Bobby è una gran bella storia di successo. Bobby è uno zaino antifurto con la zip di apertura nascosta, che rende praticamente impossibile la vita dei borseggiatori. Il progetto è stato presentato su Kickstarter qualche tempo fa, e ha fatto il botto. Adesso l’azienda che lo produce lotta contro i cloni cinesi, ma l’originale rimane il migliore. E’ un po’ grosso, vi farà sembrare turisti asiatici, ma è pieno di tasche nascoste, è sicuro e ha anche la presa usb per caricare il cellulare. Qui un video che fa vedere tutto. Con questo si va in metropolitana tranquilli. (89,95 euro)

 


  


Il Super Nintendo, nuovo ma uguale

Se dovete regalare una sola cosa per videogiochi quest’anno lasciate perdere le nuove Playstation e dirigetevi sicuri sulla Nintendo Switch, un gioiellino che è sia console sia apparecchio portatile e vi darà grandi soddisfazioni con i suoi (pochi) videogiochi ben sviluppati. Se poi avete più di trent’anni aggiungete qualche decina di euro e comprate la versione rifatta dal vecchio Super Nintendo. David Allegranti, che tra le (tante) altre cose è l'esperto di nostalgia tech del Foglio, ce l’ha ed è felice come un bambino. (Circa 70 euro)

 


 


La tastiera retrò

A proposito di nostalgia tech. Un’altra cosa che è tornata di gran moda ultimamente sono le tastiere meccaniche, vale a dire le tastiere per pc con i tasti grossi e ben distanziati, che fanno ciak ciak quando li premete. C’è tutto un movimento là fuori di persone che trae piacere dal sentire tastiere rumorose e dal premere i polpastrelli su tasti che affondano per bene. Se pensate di fare parte di questa tribù, questa tastiera della Aukey costa poco ed è un buon modo per valutare se il ciak ciak vi piace. Da lì si può salire all’infinito, con tastiere meccaniche personalizzate, colorate, luminose, metalliche. (Circa 30 euro)

 


 

 


Per fare le foto belle con l'iPhone

I telefoni cellulari hanno rimpiazzato le macchine fotografiche, e se conoscete qualcuno spinto con Instagram gli potete regalare delle lenti per smartphone, da cambiare come su una reflex. Queste sono di buona qualità e costano abbastanza, sono per iPhone e c’è un grandangolo e un teleobiettivo. In giro per Amazon se ne vendono anche di più economiche, come quelle che ho provato io. La qualità delle foto cala, il divertimento di cambiare focale rimane. (Circa 100 euro)

 


  

 


La lampada della Pixar!

La lampada della Pixar. No, dico: la lampada della Pixar! Non è proprio lei, ma è molto simile, è snodabile, è fatta di legno, sta bene su tutte le scrivanie, i comò e le credenze del mondo. (Circa 36 euro)

 


  


Un gioco di società che piace a tutti

Dixit è un gioco da tavolo con molti pregi: è facile da giocare ed è perfetto per i lunghi pomeriggi natalizi in famiglia con bambini; ha una grafica bellissima che scalda il cuore; ha una componente sociale molto bella - lo scopo del gioco, infatti, è narrare fiabe. Difficile trovare un gioco più universalmente amato. A casa mia ci si gioca tutti i Natali. (Circa 25 euro)

 


  


Un "coffee table book" definitivo

A Silicio siamo convinti che il libro di carta sia morto (non è vero, ma lasciatemi quest’illusione) e che gli unici fogli di cellulosa che hanno ancora diritto a stare sugli scaffali di casa siano quelli dei libri di fotografia e di arte. “La scelta della foto” dell’agenzia fotografica Magnum è il perfetto “coffee table book”. Dentro ci sono tutti i provini delle grandi foto storiche. Cosa significa? Avete presente la foto iconica di Che Guevara con gli occhi di fuoco e il sigaro? Il fotografo che l’ha scattata, René Burri, ha fatto molte altre foto nella stessa sessione, ma alla fine ha scelto questa. Nel libro ci sono tutte le foto non pubblicate, con il Che che ride e si annoia, e la spiegazione del perché Burri alla fine ha scelto proprio l’immagine che è diventata famosa. Lo stesso vale per Robert Capa, Elliot Erwitt e tutti i grandi della fotografia mondiale. Il libro ha un interesse storico, fotografico, artistico, ed è bellissimo da sfogliare. (Circa 40 euro)

 


  



Un Kindle, ovviamente

Il Kindle Oasis è davvero costoso. Duecentocinquanta euro sembrano tanti quando l’eccellente Paperwhite costa solo la metà (è in promozione a 99 per la settimana del Black Friday), ma l’Oasis ha lo schermo più grande, utilissimo per i pdf, è più ergonomico, ha i bottoni per voltare pagina ed è resistente all’acqua. E’ il primo Kindle che (tra molti mesi) potrete portare in spiaggia senza patemi. Se conoscete un lettore forte che apprezza gli ebook, con l’Oasis lo renderete felice. (249,99 euro)

 


 


Pure il Bimby

Perdonate il racconto autobiografico. Mia madre usa il Bimby da un paio d’anni. Per chi non sapesse: è un robot da cucina di una casa tedesca che consente di preparare piatti accettabili anche a chi è completamente negato. Si buttano tutti gli ingredienti dentro e al resto pensa lui. Se la ricetta è complessa, il Bimby ti dice cosa fare passo passo. I risultati sono sempre commestibili, a volte buoni, difficilmente esaltanti. E insomma: mia madre usa il Bimby, e ogni tanto invita mia nonna a pranzo per assaggiare i pasti fatti con il robot. L’ultima volta le ha somministrato un ragù. Mia nonna, che è un’abruzzese trapiantata in Emilia e fa un ragù che è tutta una dichiarazione d’amore, l’ha assaggiato e ha detto: “Questo l’ha fatto il robbòt? Vabbe’, è buono”. Lo diceva per educazione, ma mentre masticava era chiaro che aveva intravvisto il mondo sciapo che ci aspetta quando l’automazione avrà preso il posto dell’amore di una nonna. Morale: se avete una nonna, non comprate il Bimby. Se sapete cucinare, nemmeno. Se non avete nessuna di queste due cose, il Bimby può salvare la vita. (1.199 euro, da comprare attraverso dimostrazione a casa)

 


 


Lo smartphone top di gamma

Se oggi dovessero dirmi: ho un budget illimitato e voglio regalare lo smartphone più figo che c’è in circolazione, gli consiglierei il Note 8 della Samsung. Non lo possiedo personalmente, ma ci ho giocato per un po’ ed è il cellulare che vorrei io, dunque lo consiglio come regalo di Natale extralusso. E’ enorme, ha uno schermo bello e grande, è fin troppo potente e ha il pennino. Se siete dall’altra parte della barricata, iPhone X è stupendo, ma questo lo sapete già. (999 euro)

 


  

NON E’ FINITA QUI! Avevamo così tanti consigli per i regali di Natale che ho deciso di spezzare lo speciale delle Feste in due. La settimana prossima troverete altrettanti regali altrettanto belli (edit: eccola). Poi riassumeremo tutto in una bella pagina complessiva sul sito del Foglio. E’ crudele spezzare in due la lista dei regali, così magari comprate qualcosa già questa settimana ma sulla puntata della prossima trovate qualcosa di meglio? Forse sì, ma è il capitalismo, bellezza.

 


 

VALLEY E ALTRE VALLEY

 

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi