La Guerra fredda è finita. In cielo

Nasa e Roscosmos hanno siglato un accordo per costruire una stazione sulla Luna e osservare il satellite

29 Settembre 2017 alle 18:38

La Guerra fredda è finita. In cielo

Foto LaPresse

La Russia e gli Stati Uniti hanno fatto pace, almeno sulla Luna. Le due agenzie spaziali, l’americana Nasa e la russa Roscosmos hanno siglato un’intesa con l’obiettivo di creare un avamposto per costruire una stazione lunare, da cui esplorare il satellite e pianificare delle missioni più lunghe.

 

Negli anni Sessanta la conquista della Terra si basava su quella del cielo. Fronteggiarsi in Terra era troppo pericoloso, quindi la sfida al cielo sembrava sublimare tutte le tensioni terrestri. I russi mandarono il primo uomo (in realtà il primo fu un cane) nello spazio e gli americani risposero con un uomo sulla Luna. Erano sempre loro, Stati Uniti contro Urss, occidente contro oriente, Nasa contro Roscosmos.

 

Oggi, che sono trascorsi più di venti anni dalla caduta dell’Unione sovietica, il cielo continua a ospitare lo spirito belligerante della Terra. Anzi, nel 2017 lo sublima e al chiarore lunare, Nasa e Roscosmos si concentreranno sullo sviluppo della Deep Space Gateway, una stazione che orbiterà attorno al satellite con una doppia funzione. Esplorare la Luna e rappresentare un avamposto verso spedizioni ancora più ambiziose, come l’approdo su Marte. Altro obiettivo della missione è la spedizione di robot sul suolo lunare, che dovrebbero poi fare ritorno sulla Terra. Per ora, il primo scopo rimane quello di raccogliere dati e creare un enorme laboratorio per missioni future.

 

Nasa e Roscosmos hanno capito che un accordo così ambizioso non poteva essere affrontato da una sola agenzia spaziale. Per rendere fattibile e soprattutto sostenibile la creazione di un hub vicino alla Luna il progetto dovrà contare su aiuti sia statali sia privati, ha fatto sapere la Nasa, che ha dovuto pensionare da poco lo Space Shuttle, il sistema di lancio spaziale statunitense. Oggi, rimane solo la navetta Soyuz, il rivale, anzi, da ieri, il collaboratore russo.

 

Forse la guerra fredda non è mai finita, è solo diventata cyber. Ma Nasa e Roscosmos non vogliono saperne, hanno deciso di collaborare e portare avanti un progetto comune, una missione spaziale e ora che gli sforzi dell’agenzia statunitense e dei suoi partner industriali saranno supportati anche dalla Russia, la Luna sembra già più vicina. La distensione un po’ meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi