cerca

Uomini bancarella

“I Tredicine sono tornati per una precisa volontà politica del M5s”, dice Marta Leonori

25 Novembre 2017 alle 06:00

Uomini bancarella

Il mercato della Befana di Piazza Navona. Foto La Presse/Marco Rosi

Roma. “E’ inaccettabile che ci sia un monopolio. A questo punto l’amministrazione comunale deve decidere: o annulla il bando o si assume la responsabilità di aver ripristinato il monopolio dei Tredicine per altri nove anni”. Se le bancarelle del mercato della Befana di piazza Navona sono di nuovo in mano ai Tredicine, per Marta Leonori, ex assessore al Commercio e al Turismo della giunta Marino, dietro c’è una precisa volontà politica.

  

Per due anni il mercato non si è fatto. Adesso quegli spazi vengono affidati ai soliti noti. Com’è successo?

Da quest’anno il comune gestisce direttamente la festa della Befana: hanno fatto un bando, in ritardo, senza fissare criteri di qualità e senza includere altri operatori, tenuti fuori dal requisito di anzianità. Il problema è questo: abbiamo perso un’opportunità con il nuovo regolamento del Commercio, approvato a maggio senza alcuna novità di rilievo.

  

Eppure durante l’approvazione del regolamento i commercianti protestavano.

Erano in gran parte delle sceneggiate. Non ho visto grandi manifestazioni, non come quelle che c’erano quando in comune c’ero io con Marino. Oggi non c’è lo stesso clima di ostilità da parte dei commercianti nei confronti del Campidoglio.

  

Perché ci hanno messo così tanto a pubblicare le graduatorie. C’entra Ostia?

No, non credo. Forse per arrivare così a ridosso e dire: che cosa facciamo, facciamo saltare di nuovo la manifestazione?

  

E’ meglio far saltare tutto, a questo punto?

La manifestazione è già saltata per questi stessi motivi nel 2014 e nel 2015. Per moltissime persone è meglio avere una piazza con attività culturali dedicate ai bambini. Quella del 2014 non era una manifestazione commerciale, ma è stata bellissima lo stesso.

  

Che ne pensa del duo Adriano Meloni e Andrea Coia, l’assessore e il presidente della commissione Commercio?

Rappresentano due parti distinte, e apparentemente in conflitto, dell’amministrazione e della maggioranza grillina. Se Meloni non è d’accordo con Coia dovrebbe dirlo. I bandi sono scritti sulla base delle indicazioni politiche della giunta, e quindi dell’assessore, che conserva un certo margine di libertà. Nessuno gli vieta di prendere il disciplinare sulla qualità dei prodotti e riproporlo nel bando, mettendo dei paletti alla paccottiglia che si vende. Di fronte a standard alti della qualità, negli anni scorsi il solito cartello di commercianti non è stato in grado di rispondere.

  

Alla base c’è un’idea sbagliata di città o una politica ostaggio delle lobby cittadine?

La politica è ostaggio quando non può fare delle scelte, qui le scelte potevano essere fatte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    25 Novembre 2017 - 16:04

    I Tredicine pagano dazio ai grillini ,ma come ? I grillini sono corrotti come tutti gli uomini di buona volontà ( lo pensava anche Gesù) ma ancora non si è capito come. In qualche misura hanno imitato il Pci degli anni 50/60 con il baratto,io do una cosa a te ( un impiego ) e tu dai una cosa a me ( una licenza) niente passaggi di schifoso dinero.Ho vissuto spesso nelle regioni rosse. La bolla onestà-ta-tà grllina i presto scoppierà ,anzi ha cominciato ad avere crepe.luigi de santis

    Report

    Rispondi

Servizi