"Io sono un autarchico" di Nanni Moretti, 1976 

preghiera

Se la pandemia costringe all'autarchia, i capelli me li taglio da solo

Camillo Langone

Altro che Nanni Moretti, che era partito bene e ora ha sposato la causa del decoro da nonna gozzaniana

L’autarchico sono io, mica Nanni Moretti che aveva esordito bene, con un film che era una dichiarazione di indipendenza, ma purtroppo in tarda età ha sposato la causa del decoro, sentimento conformista da nonna gozzaniana. Io invece persevero, il tempo non mi ha piegato. Per servirmi del barbiere devo mettermi la mascherina? Mostrare il passaporto? Ascoltar ciance? Uscirmene di bottega con (terzo omaggio al Leviatano) regolamentare scontrino? Macché macché. Mi sono comprato un nuovo tagliacapelli e mentre tutti seguivano i ludi quirinalizi l’ho inaugurato. Me li sono tagliati peggio? Senz’altro. Ma piaccio lo stesso. E posso atteggiarmi a filosofo e citare Epicuro: “La più grande ricchezza è nel bastare a se stessi”.

Foto di Camillo Langone 

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).