cerca

Fratelli di banconote

Vorrei conoscere il writer che a Parma ha scritto sui muri: "“No alla carta di credito / Difendi il denaro contante".  Gli offrirei da bere e pagherei con banconote fruscianti, libere, libertarie

5 Giugno 2020 alle 06:00

Fratelli di banconote

(foto Unsplash)

Ho scoperto di avere un fratello che scrive sui muri. Non un fratello di sangue, un fratello di spirito che in vari angoli di Parma ha scritto: “No alla carta di credito / Difendi il denaro contante / Il contante è libertà”. Ne sono rimasto commosso, come sempre mi commuovo di fronte alle eccezioni: di regola i writer sono conformisti pauperisti, nemici del denaro e della prosperità, a cominciare da Banksy che spesso si scaglia contro il consumismo. Ho ammirato la grazia delle scritte, facilmente rimovibili perché eseguite con un semplice gessetto, non con lo spray, e il perfetto tempismo: proprio in questo periodo lo stato e le banche approfittano del virus per soffocare vieppiù il mezzo di pagamento definito da Enzensberger “ultimo fastidioso residuo della sfera privata”. Ho scoperto di avere un fratello che scrive sui muri e vorrei conoscerlo, offrirgli da bere e poi pagare audacemente l’oste con banconote fruscianti, non tracciabili, libere, libertarie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giulib

    05 Giugno 2020 - 16:27

    Genio

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Giugno 2020 - 16:03

    Collegato a mezzo computer con la banca ho scoperto che pagando qualunque spesa acquisto e varie con carta ,qualunque impiegato dello sportello saprebbe i cavoli miei più di me scordo tutto per via dell'età.Comunque mi ha fatto una certa impressione vedere nero su bianco la storia della mia vita raccontata da estranei.

    Report

    Rispondi

Servizi