cerca

Dio salvi la cravatta e con la cravatta l’uomo

La rarefazione delle gonne, l’indistinzione del vestiario maschile e femminile segnalano l’approssimarsi della perfetta intercambiabilità, e dunque della completa inutilità, dei sessi

14 Giugno 2019 alle 06:00

Dio salvi la cravatta e con la cravatta l’uomo

Foto Pixabay

Vado a messa e sono l’unico con la cravatta (col primo caldo ha gettato la spugna anche il sacrista). Vado a una festa e sono l’unico con la cravatta (a parte i camerieri). Mi domando come facciano i cravattifici italiani, specie quelli più fuori mano. Ne ho scoperti in luoghi impensati, a Rovigo (Zago), a Pescara (Dolcepunta), a Isernia (1829 Spilli), a Campagna (Marzullo), a San Mango d’Aquino (Arcuri), ad Alcamo (Graffeo)... D’accordo che oggi c’è internet ma parecchi dei succitati non fanno e-commerce e comunque se i clienti non esistono non c’è sito che possa crearli dal nulla. Non a caso non c’è via del centro in cui non stia per chiudere una boutique di abbigliamento uomo. Brunello Cucinelli a Pitti prova a tenere il punto: “Il problema è non rendere l’uomo una triste parodia della donna e viceversa”. Vallo a spiegare a chi guarda i mondiali di calcio femminile... La cravatta è più essenziale oggi che al tempo in cui l’uomo lo si riconosceva dai pantaloni. La rarefazione delle gonne, l’indistinzione del vestiario maschile e femminile segnalano l’approssimarsi della perfetta intercambiabilità, e dunque della completa inutilità, dei sessi: Dio salvi la cravatta e con la cravatta l’uomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    14 Giugno 2019 - 11:11

    Bravo Camillo la camicia con il colletto aperto sa molto di svago dopolavoristico. Cominciò tutto con i descamisados quelli che la camicia ,come forma di eleganza su i media la tenevano fuori dei pantaloni.Sembravano tutti fuggitivi dalla camera dell'amante in arrivo del marito.

    Report

    Rispondi

  • carloalberto

    14 Giugno 2019 - 11:11

    La cosa cominciò verso la fine degli anni Novanta, quando una mia amica mi invitò a una festa chiedendomi di non mettermi la cravatta (il senso doveva essere che era troppo antiquata o troppo formale) e io ci rimasi male perché mi sentii giudicato per motivi ridicoli. Per il resto, non m'interessano le partite di calcio femminile ma non escluderei che qualche uomo le abbia viste per osservare le fattezze delle ragazze, diciamo così, al limite le loro gambe, che devono essere notevoli...

    Report

    Rispondi

  • GianniM

    GianniM

    14 Giugno 2019 - 08:08

    Amen.

    Report

    Rispondi

Servizi