Villa Borghese, Roma

Se le chiese diventano templi della natura

Camillo Langone

Gli architetti lo vedono, i politici lo vedono, i preti non lo vedono: nella chiesa sembra che solo il vescovo Negri veda le masse passare dal cristianesimo al panteismo 

Dopo la lettera sui morti di Manchester, sgradevole alla maniera di Pasolini (“Scritti corsari”) e inopportuna alla maniera di San Paolo (Seconda lettera a Timoteo 4,2), il vescovo Negri è stato accusato di essere un vecchio attardato e nostalgico. Passano pochi giorni e arriva la prova che è invece un veggente. L’ultimo dei giussaniani ha scritto che “ormai l’unico tempio è la natura” ed ecco la notizia della chiesa di Copenaghen, talmente nuova da essere al momento solo un rendering, disegnata dallo studio Nomo: non casa di Dio bensì tempio del Sole e arena civica, con la croce ridotta a simbolo grafico e tanto verde sul tetto. L’edificio rappresenta l’evoluzione della già molto botanica cattedrale di Evry progettata da Mario Botta, pur trovandosi un passo indietro rispetto l’appena inaugurata cattedrale vegetale di Lodi, il cui slogan potrebbe essere appunto “Unico tempio è la natura”. Gli architetti lo vedono, i politici (penso a Berlusconi e al suo partito animalista) lo vedono, i preti non lo vedono: nella chiesa sembra che solo Negri veda le masse passare dal cristianesimo al panteismo. Prendetelo a sassate, ma chiamatelo profeta.

  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).