L'utilità dei rimorsi

Camillo Langone

Leggo in un vecchio catechismo che “il rimorso tende al nostro correggimento”

Claudio Magris sul Corriere giudica positiva la decisione di Papa Francesco sull’aborto: “La tetra ritualità della scomunica e dell’assoluzione speciale solo da parte del vescovo poteva facilmente produrre un’atmosfera angosciosa, atta a provocare oscuri e vaghi sensi di colpa”. Io essendo cattolico cerco di non giudicare le decisioni del Santo Padre e confido siano altre le motivazioni della “Misericordia et misera”. Perché i sensi di colpa, che io essendo cattolico chiamo rimorsi, sono utilissimi. Leggo in un vecchio catechismo che “il rimorso tende al nostro correggimento”. Quel tormento, quella “inquietezza penosa”, sono una spinta alla conversione. Testori disse che estirpare il rimorso significa estirpare il senso del peccato, senza il quale è impensabile il pentimento. Dunque sia riscoperto, coltivato, valorizzato il rimorso.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).