lo scenario

Draghi dice sì a un governo senza M5s. Ma i "ministeri chiave" non si toccano

Carmelo Caruso

Senza i grillini si sfilerebbe solo la forza "che ha rotto il patto" ma resterebbe una maggioranza con un'ampia fiducia. In questo modo sarebbe dentro anche la Lega che ha chiesto un nuovo esecutivo senza Conte e i suoi

Mario Draghi potrebbe accettare di fare un governo senza il M5S ma con tutte le altre forze che sostengono il governo. Si sfilerebbe solo la forza che “ha rotto il patto”. Di fatto la Lega chiede l’esclusione di Giuseppe Conte ma accetterebbe il programma di fine legislatura presentato da Draghi. È la sensazione raccolta, uno scenario che era stato preso in considerazione dal premier. Visto l’appello del paese, il premier potrebbe accettare di guidare un governo senza M5S. La maggioranza c’è e anche la fiducia è ampia. La condizione però è che non si tocchino i ministeri chiave. Leggi Viminale e Salute. I due che desidererebbe Matteo Salvini. 

Di più su questi argomenti:
  • Carmelo Caruso
  • Carmelo Caruso, giornalista a Palermo, Milano, Roma. Ha iniziato a La Repubblica, ha scritto otto anni per Panorama occupandosi di politica, cronaca, cultura. Nel 2018 a Il Giornale. Oggi in redazione a Il Foglio.