Foto Ansa 

il borsino

Quirinale: "Se Casellati va sotto ai 400 è un dramma per Salvini", dicono in Transatlantico

Simone Canettieri

Nei capannelli del centrodestra non c'è un grande elettore che crede nell'elezione a capo dello stato di Elisabetta Casellati

"Arriva a 409 voti". "Se va sotto ai 400, è un dramma per Salvini". Radio Transatlantico è un'agenzia di scommesse. Nei capannelli del centrodestra non c'è un grande elettore che crede nell'elezione a capo dello stato di Elisabetta Casellati. I leghisti, fronte del Nord, sono scettici e se la ridono. Coraggio Italia ha già fatto sapere che ci saranno diversi franchi tiratori. Ecco per esempio Osvaldo Napoli: "Ceeeeerto la voto tre volte". Forza Italia è sospesa. Il gioco è pericoloso. Se Casellati dovesse non farcela raggiungendo meno voti da quelli da cui parte - circa 450 - sarebbe un problema niente male per Salvini.

 

Con le reazioni della seconda carica dello stato tutte da decifrare. "Ma perché ha accettato?". Intanto gli osservati speciali sono i grillini. I pretoriani di Conte hanno piazzato dei "buttafuori" davanti all'ingresso dell'Aula. La linea è: non si risponde alla prima chiama, non si ritira la scheda alla seconda. Non partecipano al voto nemmeno Italia viva e Pd. Salvini gioca sul filo dell'azzardo: le trattative sono pronte ad aprirsi dopo questa votazione. Quando - salvo clamorose sorprese su cui nessuno scommette nemmeno una sigaretta - Casellati sarà uscita di scena. Lasciando morti e feriti nel centrodestra.

E questa mattina a Senato chiuso gli uffici hanno concesso la creazione del gruppo Italia dei valori di Elio Lanutti. Per il M5s è stato un regalo scorretto per accaparrarsi i voti del gruppo misto.

Di più su questi argomenti:
  • Simone Canettieri
  • Viterbese, 1982. Al Foglio da settembre 2020 come caposervizio. Otto anni al Messaggero (in cronaca e al politico). Prima ancora in Emilia Romagna come corrispondente (fra nascita del M5s e terremoto), a Firenze come redattore del Nuovo Corriere (alle prese tutte le mattine con cronaca nera e giudiziaria). Ha iniziato a Viterbo a 19 anni con il pattinaggio e il calcio minore, poi a 26 anni ha strappato la prima assunzione. Ha scritto per Oggi, Linkiesta, inserti di viaggi e gastronomia. Ha collaborato con RadioRai, ma anche con emittenti televisive e radiofoniche locali che non  pagavano mai. Premio Agnes 2020 per la carta stampata in Italia.