video

Da Renzi a Salvini. Quanto tira il Rinascimento

Che sia da Budapest o da Riad, la metafora della ripartenza è sempre la stessa

Enrico Cicchetti

"Con il premier ungherese e quello polacco abbiamo parlato di Rinascimento europeo dopo il Covid", dice Matteo Salvini, che è a Budapest per incontrare Viktor Orbán e Mateusz Morawiecki e discutere la possibilità di unire le forze sovraniste europee in vista di una nuova fase di ripartenza per l’Unione. La stessa metafora l'aveva usata Matteo Renzi, in un controverso panel con il principe Mohammed bin Salman, quando aveva sostenuto che l’Arabia Saudita ha tutte le condizioni perché sia la culla di un “neo-Rinascimento“. Rievocando come il Rinascimento sia nato a Firenze proprio dopo “la peste, una pandemia”

 

  

E su Twitter l'ex ministro per il Sud Giuseppe Provenzano dà una stoccata ai due Matteo: "C’è chi lo vede nell’Arabia Saudita, c’è chi lo vede nell’estrema destra antieuropea e nemica dello Stato di diritto. E io penso alla fatica che faranno gli insegnanti nell’Italia del 2021 a spiegare ai nostri ragazzi cos’è il Rinascimento", scrive.

Di più su questi argomenti:
  • Enrico Cicchetti
  • Nato nelle terre di Virgilio in un afoso settembre del 1987, cerca refrigerio in quelle di Enea. Al Foglio dal 2016