"A Carnevale è morto il proporzionale. Ora può tornare il bipolarismo"

"Il bipolarismo del futuro nascerà in questa maggioranza", dice il direttore Cerasa a Che Tempo Che Fa. Il futuro politico di Conte nell'alleanza Pd-M5s, il ruolo di Renzi e quello di Meloni

Claudio Cerasa

"Penso che Giuseppe Conte possa avere un futuro politico qualora dovesse strutturarsi davvero l'alleanza Pd-M5s", dice il direttore del Foglio Claudio Cerasa ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa. "Alle politiche potrebbe essere il candidato premier di questo intergruppo. Matteo Renzi, che ha innescato questo cambiamento di paradigma nel Parlamento, ne esce come vincitore dal punto di vista del successo politico ma naturalmente in questo super Parlamento di larghe intese ha un'incidenza minore. Deve inventarsi altro: potrebbe fare un grande gruppo centrista, aggregare ciò che rimane del moderatismo oppure uscire di scena, fare ciò che molti gli suggerivano di fare nel 2016 quando perse il referendum, cogliere l'opportunità per mettere da parte la sua esperienza. Il bipolarismo del futuro nascerà in questa maggioranza". 

"Ah il bipolarismo? Abbiamo finito il proporzionale?", chiede Fazio. "Sì, credo che a Carnevale sia morto il proporzionale. Perché c'è un elemento politico: anche tra i teorici del maggioritario poi convertitisi al proporzionale, questo era giustificato dalla presenza di un Matteo Salvini nemico dell'euro e antisistema. Quindi il bipolarismo può tornare. Con un dettaglio: anche il partito della Meloni fa opposizione non contro l'Europa ma per avere un'Europa migliore."

Di più su questi argomenti:
  • Claudio Cerasa Direttore
  • Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.