cerca

Delrio e la verità sugli appalti bloccati

Tre quarti dei bandi di Anas sono fermo per ricorsi. Colpa delle regole

22 Agosto 2017 alle 06:21

Delrio e la verità sugli appalti bloccati

Foto LaPresse

Il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, intervistato dall’agenzia Agi a proposito delle lungaggini che bloccano gli appalti e della “litigiosità” che genera contenziosi infiniti, con una forte penalizzazione di tutto il sistema italiano, ha detto delle cose giuste e sacrosante, in mezzo ad altre quantomeno discutibili.

 

Cominciamo da quelle discutibili. Dice il ministro che gli investimenti fermi in Italia sono colpa, anche, della “grande litigiosità delle imprese che sta bloccando miliardi di lavori”. Sostiene che “quando vanno all’estero” queste imprese “non creano problemi”, mentre quando si tratta di lavorare nel nostro paese, “finiscono per bloccare tutto”. Ma forse la “colpa” non è tutta della litigiosità delle aziende: si tratterebbe di incomprensibile autolesionismo. Forse il problema è che in altri paesi il sistema di gare e di assegnazione è più lineare, trasparente, veloce. Lo sa anche Delrio, che infatti ricorda che “tra il 75 e l’80 per cento dei bandi di gara dell’Anas sono fermati dai ricorsi”. E dunque, annuncia lo stesso ministro che si è al lavoro per predisporre norme atte a “fare in fretta i bandi di gara, assegnare velocemente gli appalti, far ripartire i cantieri”.

 

E’ un nodo essenziale da risolvere, non solo per quel che riguarda Anas, ma per tutti i lavori pubblici la cui inefficienza e costi risultano gonfiati proprio dal “fattore tempo”, più che dalla presunta “litigiosità” delle imprese. La quale, se è esiste, è determinata dalla farraginosità delle norme. Ma a proposito, caro ministro: tutte quelle assurde norme anticorruzione, ma che invece sono soltanto burocrazia, e che tanto piacciono a una parte della sua maggioranza?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    22 Agosto 2017 - 09:09

    Il ministro Del Rio purtroppo si iscrive alla folta schiera di coloro che di fronte ad ogni problema irrisolto inevitabilmente finisce con l'affermare che la responsabilità e' di altri. Mi scusi, signor ministro, ma Parlamento e governo nulla c'entrano con le leggi, le norme, le circolari applicative? Le ricevono via satellite da altri lontani pianeti? Alcuno osserva che questa grottesca se non tragica fuga dalle responsabilità della politica dalle proprie responsabilità spalanca le strade al trionfo sciagurato dell'antipolitica? E a cascata fino agli ultimi livelli amministrativi si traduce nel mantra: spetta alla magistratura accertare di chi e' la responsabilità. Sicche' anche il direttore che so di un ospedale quando qualcosa nei reparti non funziona va in TV a dichiarare: "Sono il primo a voler sapere dai magistrati cosa e perché in quel reparto ( il cui corretto funzionamento lui deve garantire) non ha funzionato e chi sono i responsabili".

    Report

    Rispondi

Servizi