PISELLO

Quello. O il Pisum sativum, “pianta erbacea appartenente alla famiglia Fabaceace”. Chiaramente, quello. Gran strepito intorno al suddetto, appartenente a Rocco Siffredi, fugacemente intravisto in diretta all’Isola dei famosi.

17 Marzo 2015 alle 16:17

PISELLO
PISELLO. Quello. O il Pisum sativum, “pianta erbacea appartenente alla famiglia Fabaceace”. Chiaramente, quello. Gran strepito intorno al suddetto, appartenente a Rocco Siffredi, fugacemente intravisto in diretta all’Isola dei famosi. Proprio non si capisce: se c’è una cosa facile da vedere (s’intende: per l’accorta distribuzione, non per la sempre citata dimensione) è il pisello di Rocco. Essendo, come dire, il dignitosissimo strumento del lavoro suo (insomma, “il pene mi dà il pane”: come cantavano Elio e le Storie Tese a proposito di quell’altro di John Holmes, quello da “trentatré centimetri / di dimensione artistica”), lo strumento è giustamente sulla pubblica piazza e sul pubblico schermo e sul privato computer o dvd per serate sul divano (per dire, ecco un titolo esplicativo: “L’uccello del piacere”. Quello. O il volatile. Chiaramente, quello). Quindi, la meraviglia è decisamente sopra le righe – almeno quanto l’oggetto della meraviglia, per unanime giudizio, è sopra la dimensione del righello. Dice: ma era un programma per tutti, su nobilissima rete generalista. Però, siccome c’è lì un apposito posto chiamato Playa desnuda, e l’apposito Rocco è appunto desnudo (o quasi: straccetto molto precario in vita), su cosa mai dovrebbe appuntarsi la massima attenzione, sul biancore dei denti? Del resto, c’è una nobiltà persino letteraria in questo, dal Belli col suo immortale sonetto “Er padre de li Santi”, – che del visionato particolare dava conto di ogni suo appellativo: “Er cazzo se po’ ddì rradica, uscello / ciscio, nerbo, tortore, pennaiolo, / pezzo de carne, manico, scetrolo / asperge, cucuzzolo e stennarello”, ecc. ecc.; al Moravia con il suo “Io e Lui”, più sobriamente in quel contesto denominato “creapopoli”. Perciò Rocco è nella perfetta tradizione – culturale, addirittura, oltre che cinematografica. Niente di cui farsi troppo stupore. In senso generale. Per il particolare, poi, ognuno fa da sé.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi