cerca

Le diete

Almeno una volta nella vita l'abbiamo fatta tutti e c'è chi ha cominciato nell'infanzia e non ha più smesso. Le fanno le dive ma anche i comuni mortali. Le riviste traboccano dei più incredibili suggerimenti. Che vi abbuffiate come la Buzzicona o spilluzzichiate a malapena una mela, eccovi cosa dire quando si parla di diete.

E' uscito “Chi massaggia il manzo di Kobe?”  il libro tratto dalla rubrica "Manuale di conversazione"

3 Giugno 2011 alle 00:00

– Si cominciano sempre da lunedì prossimo.

– Tacciare quella dissociata di essere un vieto arcaismo. Contestualmente chiedere con aria filosofica da che cosa si sia mai dissociata.

– Ma la Scarsdale la segue ancora qualcuno o è come Second Life che ormai è quasi più antica del telefono duplex?

– Il modello proposto dalla pubblicità e dalla moda è un’idealizzazione maschile del corpo di una donna. Osservazione che qualifica come vigorosa coscienza critica.

– Citare la tenia ingoiata dalla Callas. Accertarsi preventivamente che gli interlocutori sappiano cosa sia la tenia; in caso contrario chiamarla verme solitario.

– Aver trascorso la gran parte della propria vita a dieta, più che una pratica alimentare è una posizione filosofica.

– Ero andato dal dietologo e aveva funzionato, infatti avevo perso immediatamente quindici chili. Dirlo subito dopo aver stabilito il proprio record di peso.

– Per dimagrire non serve fare la fame, basta eliminare le schifezze tra un pasto e l’altro.

– Aborrire quelli che sono tornati in splendida forma mangiando solo una bistecca e un’insalata a pranzo. Nondimeno sottoporli a un interrogatorio minuzioso.

– Odiare massimamente quelli che affermano che gli è bastato togliere il pane. Di seguito controinterrogarli finché non emerge qualche contraddizione.

– Il difficile non è perdere i chili, è non riprenderli. Convenirne. Valutare se obiettare che non è tanto il caldo, ma l’umidità a dare fastidio.

– Magari per poco tempo, ma avere seguito tutte le diete di tutte le riviste. Deprecare l’alfabetizzazione di massa.

– Non capire come si possa essere ingrassati avendo mangiato solo una mela. Sostenere di avere un metabolismo simile – ma non uguale – a quello del Topo cagone di Stefano Benni.

– Chiedersi chi nella vita reale senta la necessità di superare la prova costume fin da marzo attesta un atteggiamento critico nei confronti degli stereotipi della pubblicità.

– L’uomo è ciò che mangia. Dolersi per Feuerbach, passato alla storia con un titolo così scarso.

– Osservare che la cellulite ossessiona più le donne che gli uomini non serve a placare l’ansia della propria compagna, anzi misteriosamente la irrita.

– Non appena si riesce a calare di un chilo uscire a festeggiare con le amiche e riguadagnarne uno e mezzo.

– Pare che in Gran Bretagna le ragazze siano impazzite per la dieta di Kate Middleton. Rammentare la nota deboscia degli aristocratici.

– I dietologi in tv affermano che bisogna mangiare di tutto con moderazione. Bastardi.

– Informarsi sull’indice di massa grassa del proprio interlocutore. In caso di mancata risposta spostare la conversazione sull’evoluzione del concetto di massa dagli anni Settanta a oggi.

– Ogni volta che qualcuno ordina un’insalata scondita evocare il pranzo di Alberto Sordi e della Buzzicona ne “Le vacanze intelligenti”: “Che dici, Augusta, ci facciamo un’altra mezza porzioncina de pappardelle?”

E' uscito “Chi massaggia il manzo di Kobe?”  il libro tratto dalla rubrica "Manuale di conversazione"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi