cerca

Fatti, commenti, appuntamenti del giorno presi dal taccuino di Mario Sechi

Renzi mette all'angolo Marino. E in discussione c'è anche Orfini

Si attende la terza ondata di arresti nell'ambito di "mafia capitale" e il premier manda un ultimatum al sindaco di Roma. Grexit, i gestori dei fondi aumentano la liquidità, brutto segno. Fatti, commenti, appuntamenti del giorno presi dal taccuino di Mario Sechi

17 Giugno 2015 alle 10:10

Renzi mette all'angolo Marino. E in discussione c'è anche Orfini

Il sindaco di Roma Ignazio Marino con il premier Matteo Renzi (foto LaPresse)

Santi martiri Nicandro e Marciano. Soldati, durante la persecuzione di Diocleziano, rifiutatisi fermamente di sacrificare agli dèi, furono condannati a morte dal governatore Massimo.

 

Titoli. Marino? Nun se po’ fa’. E niente nuove assunzioni a scuola. Il Corriere della Sera è la prova che sta finendo un ciclo del renzismo e ne sta per cominciare un altro. L’impaginato è da ascensore psichedelico, ma badiamo alla sostanza: 1) inchiesta di Rizzo e Stella sul degrado della Capitale titolata così: “Incuria e sprechi, il decoro perduto di Roma”; 2) il titolo vero d’apertura è sulla scuola: “Così slittano le assunzioni dei prof”. In via del Tritone avvertono la scossa e al Messaggero cominciano i preparativi per i festeggiamenti: “Renzi: Marino governi o a casa”. Ezio Mauro, silente, pronto alla battuta definitiva, dispone l’impaginato di Repubblica sul versante dell’umano troppo umano (senza Nietzsche): “Renzi: è il momento più duro. Saltano le assunzioni nella scuola”. Spia rossa accesa sulla colonna di spalla della bibbia della sinistra: “Se avvocati e architetti si scoprono più poveri”. Lo erano già, molto poveri, basta non intervistare le celebrità del compasso e gli studi legali a quattro stelle per rendersene conto. La Stampa registra e timbra la pagella: “Scuola, Renzi avverte: niente assunzioni”. E l’immigrazione che fine ha fatto? C’è e ci sarà ancora per tutta l’estate. Ecco il titolo di Libero, in fase Alcatraz: “Clandestini in cella. Ce lo chiede l’Europa”. Il titolista del Giornale si gingilla con l’Angelino: “Immigrati: Francia e Germania ridono in faccia a Alfano”. Notizie? Arrivano dal Sole 24Ore: “Grecia, tassi da default. Bond a due anni al 30%”. E lo yogurt in frigo è scaduto, buona giornata.

 

Che cosa succede? Renzi va a Porta a Porta e mette alla porta Ignazio Marino. Il premier si prepara allo tsunami della terza ondata di arresti nella Capitale che sembra imminente. Anche il lavoro di Matteo Orfini come commissario a Roma è in discussione. L’agenda della politica è tornata in mano alla magistratura. A questo punto, l’unico fatto rilevante sul piano politico è la gestione delle nomine governative.

 

Istat. Per sapere, per capire. Oggi escono i dati sul commercio estero in aprile 2015; i prezzi all'import dei prodotti industriali aprile 2015; gli indicatori del lavoro nelle imprese nel primo trimestre 2015; le tendenze recenti sull’occupazione nel primo trimestre 2014/2015. I numeri che contano, i numeri che pesano.

 

Capitanerie di porto. Ci lavorano persone titolate a dire qualcosa di interessante sull’immigrazione. Ecco perché in commissione Affari costituzionali del Senato oggi ci sarà l’audizione del Comandante generale delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera (ore 14).

 

Quanta equità c’è in Europa? Ce lo dice il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan che partecipa alla presentazione del rapporto "Unequal Europe. Recommendations for a more caring Eu" (ore 10,30).

 

I grandi diritti dei piccoli. Presentazione dell’ottavo "Rapporto sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia". Ci sarà anche il ministro del Lavoro Giuliano Poletti (ore 10,30).

 

Grexit (e Federal Reserve). Il sirtaki finanziario è la cosa più importante dell’agenda, il resto è letteratura. I gestori dei fondi stanno aumentando la liquidità e diminuendo la quota di azioni in portafoglio per evitare i contraccolpi sulle borse di un’uscita della Grecia dall’Eurozona. Anche le decisioni della Federal Reserve sono motivo di grande attenzione. Un aumento dei tassi per molti gestori porterà uno scossone sulle quotazioni nei prossimi tre mesi. Il crollo del corso dei listini ha un precedente, quello del 1937 quando la Fed dopo la Grande Depressione e la ripresa decise una stretta monetaria.

 

Star Wars in Cina. Il primo film della saga di Guerre Stellari, del 1977, va sugli schermi per la prima volta in Cina. Succede al Festival internazionale del film di Shangai. Imiteranno tutto, saranno anche in futuro la prima potenza, ma se vedi Star Wars quarant’anni dopo, alla fine hai un problema con la libertà.

 

Basket Nba. Il titolo dopo quarant’anni torna a casa degli Warriors Golden State, che hanno battuto in trasferta i Cleveland Cavaliers per 105-97.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi