cerca

Il tafazzismo della Uefa che insiste con gli arbitri di porta

L'idea poco comprensibile che due omini altrimenti detti “arbitri addizionali” siano meglio del Var

20 Marzo 2018 alle 16:24

Il tafazzismo della Uefa che insiste con gli arbitri di porta

Il Var può piacere o no, è questione di gusti, di come si guarda e si concepisce il giuoco del calcio, perfino di ideologie. I conservatori come il sottoscritto mal digeriscono le innovazioni non indispensabili – la goal line technology è invece indispensabile perché obiettiva e incontestabile perfino da un Simone Inzaghi qualunque. Quel che però non è umanamente comprensibile è l’idea che i due omini altrimenti detti “arbitri addizionali” siano meglio del Var. In Italia l’abbiamo capito, ci abbiamo messo un po’ di tempo ma alla fine si è convenuto che fossero inutili e dannosi: toglievano autorità all’arbitro centrale e più d’una volta non vedevano quel che c’era da vedere e vedevano quel che non esisteva. E da noi andava anche bene, visto che a essere messi in fondo al campo non erano cacciatori svedesi con la passione dell’arbitraggio (vedasi Arsenal-Milan, Europa League, con la prestazione inenarrabile dell’accoppiata Eriksson-Johannesson), ma gente che ormai l’arbitro lo fa di professione. In Europa, invece, preferiscono gli addizionali. Che l’Uefa sia un’organizzazione di parrucconi snob è cosa nota, ma il tafazzismo finora le era sconosciuto. Dicono che Pierluigi Collina, gran capo dei fischietti europei, non sia troppo convinto dal moviolone e che prediliga le sestine con omini in calzamaglia a guardare se vengono commessi falli in area. Però Collina è anche il presidente della Commissione arbitrale della Fifa, che invece ha appena sposato il Var in toto, senza obiezione alcuna. Prima o poi sveleremo l’arcano. Intanto, tornando a casa nostra, i boatos dicono che le ultime prestazioni di Pairetto – dopo Inter-Benevento non si è più visto – e Gavillucci (male in Torino-Fiorentina di domenica) fanno pensare a una dismissione a fine stagione (pensionamento anticipato, per i non informati sulle regole arbitrali). Chi vivrà vedrà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi