L'Isis diffonde le foto delle esecuzioni degli sciiti

Luca Gambardella

Sul web i militanti dell'Isis hanno diffuso decine di foto e video, con fini propagandistici, che mostrano l'esecuzione di centinaia di militari dell'esercito regolare iracheno. Gran parte delle truppe di Baghdad sono sciiti. Nelle didascalie delle foto pubblicate compaiono condanne nei confronti dei "safavidi", termine con il quale l'Isis definisce i rivali sciiti. L'Isis ha rivendicato l'esecuzione di 1.700 soldati di Nouri al Maliki. Il dato non può essere confermato dato che nelle foto si possono contare fino a un massimo di 60 morti. In alcuni casi, secondo quanto scritto dagli stessi miliziani sui social network, per rendere salva la vita degli sciiti si chiedeva di insultare Maliki e di giurare fedeltà allo Stato islamico. Chiunque si riufiutasse sarebbe stato ucciso. Il 15 giugno, l'Isis ha conquistato una vecchia base militare americana, Camp Speicher, attualmente usata dagli iracheni come campo di addestramento delle forze di sicurezza. Ai militari sunniti sono stati dati degli indumenti civili e sono stati liberati; quelli sciiti, invece, sono stati trucidati.

Di più su questi argomenti:
  • Luca Gambardella
  • Sono nato a Latina nel 1985. Sangue siciliano. Per dimenticare Littoria sono fuggito a Venezia per giocare a fare il marinaio alla scuola militare "Morosini". Laurea in Scienze internazionali e diplomatiche a Gorizia. Ho vissuto a Damasco per studiare arabo. Un paio di tirocini al ministero Affari esteri e al Parlamento europeo, abbastanza per capire che dovevo fare altro. Nel 2012 sono andato in Egitto e ho iniziato a scrivere di Medio Oriente e immigrazione come freelance. Dal 2014 lavoro al Foglio.it