cerca

Derby e fioretti

E’ andata così. Lei: mica vorrai ancora sfinirmi con il calcio. Ma sei matta è il derby, dobbiamo vendicarci. Ma chi se ne frega, non sei di Milano e non ci vivi. Ma sono lo stesso circondato da interisti, gufi e soloni pronti allo sberleffo, non sai quanti ce ne sono, persino al Foglio.

1 Febbraio 2016 alle 19:30

Derby e fioretti

E’ andata così. Lei: mica vorrai ancora sfinirmi con il calcio. Ma sei matta è il derby, dobbiamo vendicarci. Ma chi se ne frega, non sei di Milano e non ci vivi. Ma sono lo stesso circondato da interisti, gufi e soloni pronti allo sberleffo, non sai quanti ce ne sono, persino al Foglio. Lei: voglio vedere Turner, me lo sono perso quando uscì nella sale. Ma scusa registralo. No, registra tu la tua fottuta partita. Breve schermaglia. Dico tra me e me che nel discorso amoroso bisogna essere duttili, saper cedere, la generosità è anche un piacere e spesso paga. Vado al computer, i siti di streaming sono stati oscurati. Così mi siedo sul divano accanto a lei con auricolare e radio, come quando ero ragazzo e la domenica si stava incollati a “Tutto il calcio minuto per minuto”. In televisione scorrono le immagini di un attore goffo che sembra bravo anche se il film è di una noia cosmica. Ciò nonostante non ribollo di risentimento verso l’amata, ho la forza tranquilla di chi ha fatto un fioretto e fida nella ricompensa ora e su questa terra. Ascolto e immagino, il campo e le azioni li proietto nella mente, la concentrazione è alta e i radiocronisti aiutano a mantenerla tale, sono bravi, si sente la tradizione di una grande scuola. Quando fischiano un rigore a favore dei nerazzurri, ho appena un fremito, subito la voce degli astri mi conforta, vedrai che lo sbaglia, meriti tu la vittoria e non loro un fottutissimo scalcagnato pareggio. Poi il secondo gol. Mi volto verso di lei e le faccio un cenno con due dita. Non capisce. Segniamo ancora. Gliene mostro tre, come tre pallini, ma lei dorme, si è punita da sola con questo goffo signore che continua a ravanare tra le sottane di ogni fantesca che gli passi accanto, d’altronde la pittura non ha mai portato bene al cinema. Lei va a letto. Della partita so già tutto, ma non è vero che solo la diretta dà emozioni. La mia solitaria, personalissima partita in notturna me la sono goduta, profondamente goduta. Fino alla fine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi