Con l’Alta velocità è diverso. Perché il deragliamento di Lodi riporta alla mente i nostri zainetti e ci ricorda di non dare per scontata la nostra libertà

1

07/02/2020

A nni fa bisognava attrezzarsi con gli zaini per andare in treno da (faccio per dire) Caserta a Roma. Non parliamo di viaggi più lunghi. Se chiudo gli occhi vedo solo polvere e disagi e stress. Sensazione, credo, condivisa da molti. Solo chi se lo poteva permettere raccontava di un altro treno, quasi mitologico, il Settebello. Quello sì che accorciava notevolmente i tempi: niente polvere e disagi e stress. Per questo, nonostante un’élite intellettuale rimpiangesse i vecchi treni a vapore...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.