Così le compagnie petrolifere mettono un piede fuori dall’Italia

Reporter:

Maria Carla Sicilia

3

05/02/2020

Roma. Se mettiamo in fila i provvedimenti presi dal governo gialloverde prima e da quello rossogiallo poi non c’è troppo da stupirsi di fronte al disimpegno delle compagnie petrolifere nei confronti del mercato italiano. Eppure i numeri fanno effetto: più di duemila chilometri quadrati di aree in concessione sono state restituite allo stato, quasi due volte la superficie della città di Roma. Il calcolo viene fuori sommando le cifre contenute nei 45 decreti pubblicati sull’ultimo Bollettino ufficiale degli idrocarburi e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.