Così il populismo industriale è stato messo a nudo sul caso Whirlpool

3

31/01/2020

Torino. A volare doveva essere il rilancio di Whirlpool, invece il 29 gennaio sono stati spintoni, urla e l’esasperazione dei lavoratori a dare la sveglia a sindacati e politica. Forse i 420 addetti riuniti sotto il Mise si aspettavano un esito diverso delle trattative in corso, specie dopo mesi di dichiarazioni roboanti e soluzioni sbandierate prima da Luigi Di Maio e poi da Giuseppe Conte per impedire alla multinazionale americana degli elettrodomestici di abbandonare la Campania e licenziare le maestranze....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.