Il buon senso nei paletti di Mattarella

Oltre il razzismo. Il capo dello stato e i limiti che il nazionalismo non può superare

3

29/01/2020

Sergio Mattarella non ha aspettato le giornate dedicate al ricordo della Shoah per sviluppare un ragionamento che contrasta le derive razziste e in generale discriminatorie. Il suo impegno è sottolineato dalla splendida frase pronunciata nel Giorno della memoria: “Il virus della discriminazione, dell’odio, della sopraffazione, del razzismo non è confinato in una isolata dimensione storica ma attiene strettamente ai comportamenti dell’uomo. E debellarlo riguarda il destino del genere umano”. Si tratta di un approccio antropologico, che non si accontenta di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.