Caro Salvini, non basta dire viva Israele

Per combattere l’antisemitismo tocca spegnere il ventilatore dell’estremismo

3

17/01/2020

La riunione convocata da Matteo Salvini in Senato per dimostrare la sua ripulsa dell’antisemitismo è stata un utile tentativo di superare (o correggere) altri comportamenti confinanti con la xenofobia che è parente stretto dell’antisemitismo. Naturalmente l’accento è stato posto sull’antisemitismo antisraeliano, in cui oltre agli ayatollah che certo non possono essere definiti di sinistra si ritrovano gli estremisti che fischiano la Brigata ebraica alle manifestazioni della Resistenza e persino esponenti del Labour party mai censurati in modo definitivo da Jeremy...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.