La campagna punitiva con le sue milizie in Siria

Daniele Raineri

Reporter:

Daniele Raineri

5

07/01/2020

Il generale iraniano Qassem Suleimani voleva nominare il primo ministro dell’Iraq, faceva uccidere soldati iracheni nelle loro basi (bombardate dalla sue milizie) e faceva rapire e uccidere manifestanti iracheni di vent’anni. E questo soltanto nei suoi ultimi tre mesi di attività. Era la definizione da manuale di militare macellaio e di arroganza imperialista. In questa pagina mettiamo tre storie da Siria, Iraq e Iran che riguardano la sua carriera durata oltre vent’anni. N el 2012 il regime iraniano si era...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.