Spunta il Gru dietro all’omicidio del separatista ceceno a Berlino

Reporter:

Micol Flammini

3

18/12/2019

Roma. Dopo la morte di Zelimkhan Khangoshvili, separatista ceceno di nazionalità georgiana ucciso a Berlino il 23 agosto scorso, la Germania aveva tentato di far meno rumore possibile. L’idea che dietro all’omicidio si potesse nascondere la Russia era un dubbio che ha accompagnato le indagini dall’inizio, ma era forte la volontà di limitare l’effetto Salisbury. Le indagini si sono fatte via via più complesse, Mosca si è rifiutata di collaborare, portando la procura di Berlino alla decisione di espellere due...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.