Preghiera

2

10/12/2019

Si eviti il romanzo, perché “la letteratura è ormai solo ciò che si sottrae all’egemonia romanzesca”. Si eviti l’attuale romanzo postletterario siccome “non è che una potenziale sceneggiatura”, vale a dire “il proscenio del cinema o della televisione, ovvero dell’opinione maggioritaria”. Sto virgolettando Richard Millet, “L’inferno del romanzo. Riflessioni sulla postletteratura” che Transeuropa ha ristampato eroicamente (quanti lettori può avere un libro secondo cui il romanzo corrente è “lo zelota universale della religione del Bene”, al servizio di “quella ideologia...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.