Preghiera

2

06/12/2019

Andare a Padova per vedere Van Gogh? Ad Asti per vedere Monet? A Bologna per vedere Chagall? Meglio andare in libreria per leggere de Chirico. In “Memorie della mia vita” (La nave di Teseo) l’inventore della metafisica insegna ad aprire gli occhi, a non credere alla fama, a non farsi abbindolare dalle aste, a evitare “la pittura decaduta e decadente principiata con l’avvento degli impressionisti”. I bersagli preferiti sono “i soliti ridicoli Cézanne, i soliti Matisse mal dipinti e senza...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.