Venezia non retorica

9

15/11/2019

Al direttore - Le ondate di indignazione e grida di raccapriccio che ogni giornale spara a volume altissimo su primepagine e siti e feed, stridono così tanto con il silenzio dolente di chi in città vive, studia o lavora (o resiste, come la retorica della città morta prevede: non parla un veneziano, ma uno che ha scelto di diventarlo per provare semplicemente a lavorare qui, sull’acqua e senza radici da rivendicare, senza alcuna brama eroica, pensando sia una piattaforma mobile...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.