Uno scudo per salvare la laguna

1

15/11/2019

M ercoledì a mezzogiorno l’Harry’s Bar era aperto come sempre. Proprio come accadde il 5 novembre 1966, il giorno successivo “l’aqua granda” che allagò l’intera Venezia e pose all’attenzione del mondo la questione della sua salvaguardia. Da dietro al bancone in Calle Vallaresso, uno dei punti più bassi di tutta la città e quindi più esposti alle maree, Arrigo Cipriani non si fa però impressionare dalle immagini che in queste ore stanno facendo il giro del pianeta. “E’ stata sì...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.