La differenziata di Raggi

4

27/09/2019

Roma doveva essere il laboratorio nazionale del grillismo, tutta democrazia diretta e lotta alla casta e ai poteri forti, mobilità sostenibile, trasporti perfettamente funzionanti e raccolta differenziata al centoventi per cento. E invece no. La città è il massimo dell’inefficienza, gli assessori di Virginia Raggi cadono uno dopo l’altro come i dieci piccoli indiani di Agatha Christie, gli autobus vanno a fuoco (ieri a Tor Bellamonaca), altro che la città descritta di recente da Carlo Freccero, che si è sperticato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.