Giggino non vale uno

1

26/09/2019

Roma. Lui che sulla “Gestione del cambiamento” ha scritto perfino un manuale, nella sua precedente vita da privato cittadino, non ha dubbi: “Il M5s deve cambiare, e molto”. Subito? “E’ anche tardi”, dice Vincenzo Presutto, senatore napoletano del M5s, all’indomani della tribolata riunione che ha sancito la rottura di buona parte del gruppo dalla leadership assolutistica di Luigi Di Maio, mentre ancora le scorie di quella discussione fluttuano tra i corridoi di Palazzo Madama. Un atto di sfiducia, quella richiesta...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.