L’eterna lotta tra buio e luce nel santuario di Luigi Ontani Il silenzio che cresce chilometro dopo chilometro in questa estate diabolica sull’Appennino tra Firenze e Bologna

Il silenzio che cresce chilometro dopo chilometro in questa estate diabolica sull’Appennino tra Firenze e Bologna

Reporter:

Aurelio Picca

2

06/09/2019

N on c’è anno che non senta l’urgenza di attraversare l’Appennino su quella rampa Firenze-Bologna. E’ come se volessi anche io estendermi a mo’ di viadotto, forse per misurare lo struggimento di pretendermi forever young. E’ una sorta di pellegrinaggio che però non mi conduce in nessun santuario. Già stare nelle ossa pelose della colonna vertebrale dei popoli millenari, è tenermi in luogo sacro. E’ il silenzio che cresce chilometro dopo chilometro. Ma in questa estate diabolica varco le cosce...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.