Preghiera

2

05/09/2019

“Falsa partenza” di Marion Messina (La nave di Teseo) è un romanzo ma un romanzo naturalista, fra Houellebecq e Zola, dunque si capisce subito che è tutto vero. “Lei mangiava sempre i suoi fagioli in scatola davanti al telegiornale del canale TF1 la domenica”. Per la protagonista, provinciale di famiglia povera, impegnata in inutili studi, ho provato immediata compassione. “Quegli anni bloccati da una formazione superiore senza fine...”. Arrivata a Parigi dopo l’università le cose vanno pure peggio. “Quella città...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.