Salvini sull’autonomia non usa la ruspa

Ecco perché la Lega asseconda le cautele del M5s e annacqua la proposta

3

05/07/2019

Come decine d’altri, spacciati pure quelli per risolutivi, anche quello di mercoledì sera è stato un incontro interlocutorio. Doveva essere un vertice ristretto ai soli diretti interessati alle autonomie (Conte, i due vicepremier, il ministro Erika Stefani), e invece s’è trasformato – come accaduto già il 25 giugno – in un caravanserraglio di ministri, sottosegretari, capi di gabinetto e tecnici vari, una cinquantina in tutto, molti dei quali costretti a stazionare in anticamera nell’attesa della loro convocazione in Sala Verde....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.