Conte a Hanoi, Moavero a Tokyo. Confusione sulla Via della Seta

4

06/06/2019

Roma. Con una certa sincronicità junghiana, ieri sia il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sia il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi si trovavano in Asia. Il primo, su invito dell’ex presidente del Consiglio Enrico Letta che è presidente dell’Associazione Italia-Asean, ha fatto una brevissima visita in Vietnam, a Hanoi, a inaugurare la due giorni di dialogo sul business tra Italia e paesi dell’area Asean. Moavero invece è in missione in Giappone, una visita che “si inserisce nella cornice della forte attenzione dedicata al continente asiatico”. Ieri il ministro degli Esteri ha avuto un colloquio bilaterale con il primo ministro giapponese Shinzo Abe, che nel frattempo è molto impegnato a promuovere una strategia “alternativa” alla Via della Seta cinese che si chiama “Free and Open Indo-Pacific strategy”. Diplomazia, e c’è solo da rallegrarsi del fatto che due figure del governo italiano di così alto livello facciano “gardening”, come lo chiamava Bob Gates, cioè coltivino relazioni speciali in paesi asiatici cruciali per il nostro business. Il problema, però, resta sempre lo stesso: qual è la strategia? Il 23 marzo scorso l’Italia si è impegnata a firmare, prima tra i paesi del G7, un memorandum d’intesa con la Cina dalla poca sostanza commerciale ma che ha modificato la sua postura a livello internazionale. In Asia la situazione è ancora più complicata: invece di concentrare i propri sforzi sul coltivare il rapporto con il Giappone, con cui abbiamo appena inaugurato un trattato di libero scambio negoziato a livello europeo e con cui condividiamo valori e princìpi democratici, la politica estera italiana si è concentrata sul sostanziale smantellamento dei vecchi consolidati rapporti con gli alleati tradizionali. Oltre alla Cina, Hanoi sembra al centro degli interessi del governo, visto che a maggio anche Moavero (tra i pochi ministri enere una certa coerenza con il lavoro della Farnesina) aveva fatto una visita in Vietnam e Singapore. E anche con il Vietnam l’Ue ha finito di negoziare un trattato di libero scambio sul quale però, recentemente, il governo italiano ha espresso dei dubbi. Ma capirci qualcosa, con la politica estera del governo gialloverde, è sempre più difficile. Ogni ministro ha una sua agenda personalissima, la strategia collettiva sempre più fumosa. Chi verrà dopo avrà un gran lavoro da fare, soprattutto in Asia. (giu.pom)