Un altro schiaffo al nord produttivo

Dopo gli strepiti sull’Ema, i sovranisti snobbano l’Agenzia europea del Lavoro

3

08/05/2019

L’occasione sfumata di portare a Milano la sede dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) sembra non avere insegnato nulla ai due partiti che oggi governano l’Italia. Eppure, quando nel 2017 il discusso sorteggio dell’Unione europea ha portato l’Ema ad Amsterdam, Lega e M5s non avevano risparmiato critiche su come il governo Gentiloni in carica avesse gestito il dossier. Matteo Salvini aveva usato quell’occasione in chiave anti europeista, sostenendo che il rifiuto della candidatura di Milano fosse “l’ennesima dimostrazione che l’Europa non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.