I saluti di Reina e il ritorno di Pepito Rossi

Il portiere spagnolo ha chiuso con Napoli in un pomeriggio sbagliato, mentre l'attaccante ha segnato in serie A dopo quattro stagioni

8 Maggio 2018 alle 15:07

Pepe no cry

Si è posto al centro del corteo funebre che salutava malinconico la città e tutti quei parenti del defunto scudetto. Guardava in basso, un po’ vergognoso. Le sue mani battevano fuori tempo, come il suo cuore. Reina ha chiuso con Napoli in un pomeriggio sbagliato, dove allo scadere della partita si è perso in mezzo all’area e gli altri hanno fatto gol. Lui, che sembrava l’uomo più grande della terra, è parso all’improvviso piccino. Avrebbe voluto piangere ma nessuna lacrima ha avuto la forza, o forse la debolezza, di cadere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi