cerca

Il genio di Adriano Sofri

30 Maggio 2014 alle 11:00

Un mio carissimo amico della sinistra radicale condivide qualcosa con me quando ci incontriamo, ma quasi nulla con il Foglio che però acquista tutti i giorni, certamente non per leggere i miei episodici interventi, e sapete perché? Ogni giorno spende un euro e cinquanta e il sabato, quando il Foglio è ricchissimo, addirittura due euro, per leggere e godersi, seduto al caffè, le talvolta quattro righe del genio letterario di Adriano Sofri, anche se per me non ha ancora raggiunto Buttafuoco. Nella piccola posta di ieri Sofri manifestava una certa non tranquillità per il fatto che le truppe russe di Putin ormai sono giunte ai confini del vecchio continente europeo. A questo punto mi domando da quale parte della frontiera sia collocato il "deserto dei tartari", mirabilmente evocato da Dino Buzzati e che sono sicuro Sofri conosca bene. Da una parte c'è il deserto dell'anima dell'europa attuale, la cui crisi politica ed economica è solo un paravento del suo nichilismo e mancanza di valori, dall'altra parte c'è proprio la regione orientale, più precisamente la siberia da cui i tartari sono originari. L'impero romano ormai totalmente corrotto fu invaso dai barbari; in giro vedo molti nuovi barbari. Un saluto ed un omaggio letterario ad Adriano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi