cerca

Psico-Pedagogia da sos tata

3 Maggio 2011 alle 16:30

Se il bimbo fa una monellata, il castigo – detto anche ceffone – deve calare immediato, deciso, sonoro. E' il legame 'etico' – che diventa istintivo – fra il malfatto e le conseguenze. (Come la scottatura per aver toccato la porta del forno acceso). Dopo 10 anni – invece – il malfatto si converte in “ricordo” ( bisogna infatti ricorrentemente “commemorarlo” per tenerlo “vivo”). Per il monello ( ed i molti seguaci) – allora – il ceffone diventa Vendetta e Martirio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi