cerca

Fa caldo e poi fa freddo

12 Agosto 2010 alle 10:00

e se anche fossero mille anni che non fa cosi' caldo? chi me lo dice che sia l'attivita' umana a causare il riscaldamento? e avete presente che ci sono mirco-ere glaciali come quella dalla quale stiamo uscendo? il buon senso, le ricerche di quegli stessi scienziati che mettono le centraline di rilevazione della temperatura a fianco ad un condotto di uscita di aria calda? presente che l'attivita' vulcanica e solare da sole possono causare variazioni non marginali? noti a qualcuno anche gli effetti delle variazioni del campo magnetico terrestre in tal senso? perche' non ci viene dato un elenco completo delle possibili cause dei cambiamenti climatici con percentuali di effetto e probabilita'? perche' non si dice che il clima e' per definizione in cambiamento e che caldo e freddo si alternano per fenomeni naturali da miliardi di anni? e che e' ridicolo giudicare un trend che e' misurato con simili grandezze guardando a pochi decenni. e che ormai si parla non piu' e non solo di clima terrestre ma di clima anche nello spazio visto che si stanno scoprendo sempre piu' fenomeni esterni che possono influenzare quanto accade sulla terra. perche' non si ammette che e' troppo prematuro tirare conclusioni e che anzi e' pericoloso visto che si pongono costi e limitazioni senza una causa certa. piuttosto ci si dovrebbe occupare dell'inquinamento causato dal comportamento e dalle attivita' umane, ma fateci caso, l'inquinamento e' sparito, e' totalment fuori moda. anche nelle cause dei tumori alcuni illustri esperti ne minimizzano gli effetti. non c'e' piu' o se c'e' non fa piu' male. ecco, uno dei risultati piu' sconcertanti di questa lotta al clima che cambia, e' l'eliminazione della lotta al inquinamento, vale a dire che si lotta contro l'inevitabile ma si evita di prendere azione contro qualcosa di veramente esistente ed in gran parte evitabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi