cerca

Aborto / 5

24 Marzo 2010 alle 11:10

Assistiamo oggi a un esempio di istituzionalizzazione: la preoccupazione del legislatore non è evidentemente che l'aborto non avvenga, ma che esso quando avviene avvenga come aborto di Stato. E' questo lo stesso pensiero che sta al fondo delle legislazioni federali americane che come la legislazione italiana vietano l'omicidio ma che a sua differenza prevedono la pena di morte per certi reati. Il che significa che la morte non è esecrabile se è morte di Stato. Non serve Weber per capire che ciò consegue dalla stessa natura dello Stato moderno come monopolio legittimo, ovvero monopolio giustificato da una legge e radicato nella giustizia. Ma è appunto la giustizia, in quanto unico discrimine fra i regni e i grandi ladrocini d’agostiniana memoria, a distinguere la pena di morte dall’aborto, l’una intesa come diritto politico del governante e l’altro invece come tecnica igienizzante (l’igiene dall’uomo invece che dell’uomo è l’ultima frontiera dell’ipocondria sessuofoba di matrice puritana). La legge, non potendo risolvere lo scontro antropologico interno a una popolazione, si limita a scavalcarlo e a garantirsi il monopolio abortivo in modo che i boia non siano anonimi macellai ma laureati col camice, con ciò dimostrando di non capire che il rischio di mortalità dell’aborto clandestino era un deterrente dell’aborto medesimo, o meglio un incentivo alla donazione dei figli sulla ruota provvidenziale. Non insegna nulla l’economia a questa generazione di governanti? Più che la sua disponibilità è la sua comodità, ovvero la sua fittizia ineffettività sul mondo, a rendere l’aborto un futuro servizio commerciale, nella sua versione chirurgica o in quella farmaceutica. Fa solo specie che gli attuali difensori e propugnatori di tale pagana barbarie sono i presunti epigoni di quei rivoluzionari che in tempi eroici intendevano liberare l’uomo dalla catena di montaggio concretizzata nel Leviathan statale: oggi possiamo solo con sconforto constatare che si sono uniti al Nemico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi