cerca

La violenza e il sacro

10 Febbraio 2009 alle 11:50

Sono un medico nucleare, faccio scintigrafie, una di queste metodiche, la SPET perfusionale può essere utilizzata per documentare la morte cerebrale e permettere l’espianto degli organi. Con la PET con 18FDG (Fluorodesossiglucosio) è possibile dimostrare la persistenza di metabolismo nelle cellule. Sarebbe stato interessante mostrare con le immagini che i neuroni di Eluana consumavano zucchero, che erano vivi. L’aforisma Cartesiano “Cogito ergo sum” condiziona il nostro modo di rappresentare la vita, introducendo una variabile poco definibile e identificabile: il pensiero. Eluana non pensava, ma le sue cellule consumavano zucchero, perché? Che vuol dire? Chi può dimostrare che non “pensava” più? Che ne sappiamo noi dell’attività neuronale di chi è in coma vigile? Che cosa è “pensiero” e cosa non lo è o non lo è abbastanza? E se riteniamo lecito sospendere alimentazione e idratazione in chi non “pensa” abbastanza, cosa faremo con quelli che pensano poco, pensano male o non pensano abbastanza bene o non la pensano come noi? Da giorni poi si sprecano inviti al silenzio, a spegnere microfoni e riflettori ma, al di là della volontà di papà Englaro, è ormai in atto una solenne liturgia laicista che non può fare a meno di questo “can can” mediatico. Renè Girard descrisse anni fa ne “La violenza e il sacro” il meccanismo religioso-naturale, presente in tutte le società per cui alcuni conflitti vengono definiti solo grazie a un “sacrificio propiziatorio”. Alla morte di Welby, il sommo sacerdote Pannella proclamò “siamo fieri”, aprendo una processione mediatica come descritto da Girard. Autodeterminazione è la parola-chiave: serve alla sinistra individualista un sempre nuovo spunto di polemica laicista per restare uniti, servono vittime sacrificali per aprire la strada a sempre nuove autodeterminazioni, secondo questo schema squisitamente religioso. Facile è restare uniti contro la Chiesa, difficile è restare uniti per costruire qualcosa che sia un progetto per l’uomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi